fbpx

Qual è la durata reale di una batteria di veicolo elettrico?

Non è nostra intenzione dire che le batterie sono un componente immortale e che i veicoli elettrici sono imbattibili.

E’ però vero che la tecnologia nell’ambito della mobilità sostenibile ha fatto passi da gigante, in particolar modo per quanto concerne quella elettrica.

Le batterie al Gel si basavano su un accumulatore al piombo che poteva corrodersi e degradarsi fino anche a bruciarsi. La sicurezza era comunque ottima ma è certo che l’avvento delle batterie agli ioni di litio oltre al fattore sicurezza ha permesso di migliorare notevolmente anche la durata.

Le nostre batterie sono tecnologicamente all’avanguardia e sono garantire per tre anni ed omologate per 2000 ricariche. E’ opportuno però fare alcune considerazioni.

Prima di tutto la durata della garanzia non corrisponde affatto al ciclo di vita della batteria. E’ assolutamente possibile estendere tale garanzia almeno fino a cinque anni.

La durata di batterie di eccellente qualità come quelle in dotazione al Nextem Metro sono stimate in 8 anni, sebbene il deterioramento solitamente avvenga molto lentamente all’inizio e poi più rapidamente dopo un certo kilometraggio.

2000 ricariche sono poi considerate da un veicolo scarico, cosa che raramente succede. Il consiglio infatti è sempre quello di ricaricare quando l’energia è scesa al 50%.

2000 ricariche significa approssimativamente non meno di 220.000 km, che per un veicolo commerciale che di solito non percorre più di 100km al giorno . Supponendo il caso che il veicolo sia in strada e operativo tutti i giorni della settimana, si arriva nuovamente alla durata di circa 8 anni.

L’obiezione solitamente è relativa al fatto che una batteria è costosa e rappresenta un investimento oneroso. Nel nostro caso la batteria richiede un esborso di 3.000€ che non è una spesa banale.

La considerazione è legittima ma è anche vero che la batteria è l’unico componente di un motore elettrico davvero impegnativo dal punto di vista economico, il resto sono solo 250 pezzi che richiedono una manutenzione quasi nulla. Un veicolo termico invece, con i suoi 30.000 pezzi, presenta molte più minacce e quindi potenziali costi di manutenzione.

Inoltre, la tecnologia si sta evolvendo rapidamente e le batterie allo stato solido rappresentano una nuova frontiera che, nel futuro immediato, porteranno a un ulteriore miglioramento.

E’ innegabile che esista un decadimento delle batterie, ma è pur vero che a livello manutentivo, i vantaggi sono superiori agli svantaggi e i rischi relativi alla sicurezza sono praticamente inesistenti.

By |2019-01-30T00:59:03+00:00gennaio 20th, 2018|Sistema Elettrico|